Direzione regionale Musei nazionali Toscana

Oltre cento opere provenienti dal Museo archeologico nazionale di Firenze nella mostra “Le nuvole e il fumine. Gli Etruschi interpreti del volere divino”.


https://museitoscana.cultura.gov.it/wp-content/uploads/2023/12/Mostra-Le-nuvole-e-il-fulmine.jpg

Date di apertura

Inizio evento
Fine evento

Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria. Prorogata fino al 14 gennaio 2024

L’esposizione temporanea curata da Carmelo Malacrino, Mario Iozzo e Barbara Arbeid nasce dalla collaborazione tra il Museo Archeologico Nazionale Di Reggio Calabria, la Direzione Regionale Musei della Toscana e il Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

Più di un centinaio le opere in esposizione, giunte sulla riva dello Stretto dal più importante Museo dell’Etruria settentrionale. Statue, preziosi oggetti in oro, argento e bronzo, ceramiche figurate e le caratteristiche urne cinerarie decorate con i più distintivi motivi etruschi, tra cui quello dei defunti sul coperchio.

La mostra illustra al pubblico più ampio il fascino della civiltà etrusca, vista attraverso gli aspetti della vita quotidiana, dei culti e dei rituali funerari. Un’attenzione particolare è stata rivolta alle pratiche religiose della divinazione, evidenziando l’abitudine degli Etruschi di trarre presagi dal volo degli uccelli, dalle viscere degli animali e dall’osservazione del cielo con i suoi fenomeni atmosferici.

« Questa esposizione segna l’avvio di una significativa sinergia –  afferma Stefano Casciu – volta a promuovere e valorizzare in rete il ricchissimo patrimonio archeologico del nostro Paese».

Le oltre cento opere esposte provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze  raccontano «il fascino della civiltà etrusca, vista attraverso gli aspetti della vita quotidiana, dei culti e dei rituali funerari» – sottolinea Mario Iozzo.

Il titolo Le nuvole e il fulmine, spiega Barbara Arbeid, è tratto da un passo di Seneca: «per gli Etruschi le nuvole si scontravano proprio per produrre i fulmini, considerati messaggi divini per gli uomini, cui spettava il compito di interpretarne il significato».

La mostra prorogata fino al 14 gennaio 2024 sarà visitabile in orario di apertura del museo, dal martedì alla domenica senza obbligo di prenotazione.

Info: www.museoarcheologicoreggiocalabria.it/


Firenze – Museo archeologico nazionale