Direzione regionale Musei nazionali Toscana

“Mostri. Il gusto per l’eccentrico alla corte degli ultimi Medici”. Stefano Casciu inaugura la nuova stagione di “Brevissime”, lezioni di storia delle arti


https://museitoscana.cultura.gov.it/wp-content/uploads/2023/10/logo-MIC-Toscana-border.jpg

Date di apertura

Inizio evento
Fine evento

Direzione Regionale Musei Toscana

Il Cenacolo di San’Apollonia ospiterà da febbraio a maggio la nuova edizione di “Brevissime“,  le lezioni di storia delle arti delle edizioni Centro DI, sulla decorazione nelle arti che abbracceranno i temi dei decori di ville imperiali, degli oggetti d’uso nel mondo antico, dei rituali dei banchetti alle corti rinascimentali fino ad arrivare all’uso del tavolo nel design contemporaneo.

Stefano Casciu inaugurerà il ciclo di incontri giovedì 16 Febbraio, alle 18 con la sua ‘brevissima’ dedicata a “Mostri. Il gusto per l’eccentrico alla corte degli ultimi Medici“.

Due appuntamenti sui Miti e riti del simposio nel mondo antico e su Dioniso a cura di Mario Iozzo, sono in programma anche al Museo archeologico di Firenze, un altro dei luoghi della cultura della Direzione regionale musei della Toscana.

Tutte le altre “Brevissime” si terranno dalle 18.45 alle 19.30 sempre con prenotazione obbligatoria a edizioni@centrodi.it 055 2342666

Nella lezione inaugurale Stefano Casciu, partendo dai significato delle parole monstrum / mostro, tra latino e italiano, attraverserà i secoli dal Cinquecento al Settecento seguendo gli interessi scientifici, artistici, filosofici e religiosi che alla corte dei Medici coinvolsero in quel lasso di tempo alcuni granduchi e principi della corte, gli scienziati e gli artisti da loro protetti, alla ricerca del meraviglioso e dell’inconsueto in parallelo tra Natura ed Arte. In particolare evidenzierà come lo sviluppo della rappresentazione delle ‘cose naturali’ segua una direzione sempre più scientifica (a partire dalla tavole miniate di Jacopo Ligozzi), ma anche un rapporto sempre più stretto con la volontà artistica, in pittura e in altri generi della raffigurazione. Alla corte degli ultimi Medici, tra Seicento e Settecento, il gusto per l’eccentrico, il meraviglioso, il bizzarro, basato però su solide basi scientifiche, nutrirà il genere pittorico della natura morta, all’apice della sua fortuna, grazie soprattutto al genio di Bartolomeo Bimbi, agli interessi naturalistici, religiosi e metafisici del suo mecenate Cosimo III e alla vivace cerchia degli scienziati attivi alla corte fiorentina.

“Brevissime” il programma:

16 febbraio
Stefano Casciu
MOSTRI. Il gusto per l’eccentrico alla corte degli ultimi Medici
(Ingresso gratuito)

02 marzo
Riccardo Spinelli:
DONNE E GOVERNO. Maria Maddalena d’Austria e i decori della villa medicea del Poggio Imperiale a Firenze

09 marzo
Riccardo Spinelli:
IL COMMITTENTE INVADENTE. Michelangelo il Giovane e il programma decorativo di casa Buonarroti a Firenze

23 marzo al Museo Archeologico Nazionale
Mario Iozzo:
VIVI E MORTI. Miti e riti del simposio nel mondo antico

30 marzo al Museo Archeologico Nazionale
Mario Iozzo:
EBBREZZA: Dioniso, il vino e l’edera

13 aprile
Enrico Colle:
CONVITI E BANCHETTI. Le arti decorative al servizio delle corti

20 aprile
Enrico Colle:
RIVOLUZIONE E RITORNO ALL’ORDINE. Le arti decorative dalla Rivoluzione francese alla Restaurazione

4 maggio
Enrico Morteo:
AL CENTRO DEL MONDO: IL TAVOLO E LA SEDIA
1 – La forma della tecnica. Franco Albini, Carlo Mollino, Ettore Sottsass

11 maggio
Enrico Morteo:
AL CENTRO DEL MONDO: IL TAVOLO E LA SEDIA
2 – Umanissimo infinito. Superstudio, Mario Bellini e Vico Magistretti


Firenze – Cenacolo di Sant’Apollonia Firenze – Museo archeologico nazionale