Direzione regionale musei della Toscana

I luoghi della cultura della Direzione regionale musei della Toscana aperti a ingresso gratuito il 25 aprile 2024 e il 1°maggio con biglietto ordinario.


https://museitoscana.cultura.gov.it/wp-content/uploads/2023/12/Collage-DRM-Toscana.jpg

Date di apertura

Inizio evento
Fine evento

Giovedì 25 aprile e mercoledì 1° maggio 2024.

La maggior parte dei luoghi della cultura statali della Direzione regionale musei della Toscana diffusi su tutto il territorio saranno aperti giovedì 25 aprile a ingresso gratuito per la Festa della Liberazione per iniziativa del Ministero della Cultura e il 1° maggio a pagamento dove previsto.

Firenze due giorni festivi a disposizione del pubblico per visitare il Museo archeologico nazionale, il più grande museo archeologico d’Italia a nord di Roma, che vanta la più grande e importante raccolta di arte egizia in Italia dopo quella del Museo Egizio di Torino. Uniche e di fama mondiale le opere d’arte greca e romana, alcune provenienti dalle collezioni dei Medici e dei Lorena. Le raccolte del museo sono fra le più prestigiose del mondo e tra i capolavori si annoverano il Vaso François, uno dei più grandi crateri a volute attici decorato con duecentosettanta figure mitologiche e la celebre scultura in bronzo della Chimera di Arezzo; nel Salone del Nicchio è sempre in corso la mostra “Tesori dalle terre d’Etruria. La collezione dei conti Passerini, Patrizi di Firenze e Cortona”.

Il Museo di San Marco accoglie i visitatori con una novità nella Sala del Beato Angelico nella collezione più importante e ricca al mondo dei dipinti su tavola del ‘frate pittore’ è stato trasferito di recente anche il grande dipinto della Tebaide, attribuito a Beato Angelico, che illustra con una straordinaria e particolareggiata ricchezza di dettagli la brulicante vita quotidiana dei monaci in ritiro ascetico sui monti di Tebe. La visita comprende, tra le altre, le sale del Savonarola e il Refettorio piccolo con l’Ultima Cena del Ghirlandaio. Al primo piano il famosissimo affresco dell’Annunciazione icona del Museo di San Marco, appare con uno straordinario effetto scenografico alla fine della prima rampa di scale che conduce alle celle che hanno ispirato e accolto tra gli altri il silenzio e le meditazioni di Sant’Antonino, priore del convento, di Cosimo il Vecchio e di Girolamo Savonarola e alla monumentale Biblioteca di Michelozzo. Infine nella Foresteria sono onservati i reperti provenienti dal medievale centro storico di Firenze, rimodernato nella seconda metà del XIX secolo riprodotto in tutti i dettagli nel dipinto della “Veduta della Piazza del Mercato vecchio di Firenze”.

Il percorso del sacro a Firenze si completa con i capolavori degli affreschi dell’Ultima cena nei Cenacoli di Sant’Apollonia (aperto solo il 25 aprile) e nel museo del Cenacolo di Andrea del Sarto a San Salvi.

La primavera appena iniziata è la stagione migliore per apprezzare i tesori dei parchi storici e delle Ville medicee fuori porta come Poggio a Caiano e Cerreto Guidi o a Firenze del Parco di Villa il Ventaglio e del Parco romantico della Villa medicea della Petraia recentemente riaperto, dove si può passeggiare lungo viottoli sterrati, tra grandi prati all’inglese che incorniciano punti di vista e inediti cannocchiali prospettici sulla torre della Villa o sula cupola del Duomo.

Ma il capolavoro più atteso si trova nel Giardino della Villa medicea di Castello, dove liberata dai ponteggi torna visibile la Grotta degli Animali appena restaurata con il suo scenografico serraglio scolpito con decine di animali in marmi policromi, le straordinarie vasche e gli intarsi di conchiglie e pietre multicolori che hanno recuperato l’incanto originario, in attesa di animarsi a fine aprile con la messa in funzione dei giochi d’acqua. Sarà visitabile anche l’intera area del Parco appena riaperta dove due querce centenarie hanno nel corso dei secoli adattato le loro radici alla conformazione della grotta sottostante e dove spicca la fontana dell’Appennino di Bartolomeo Ammannati.

Aperte in entrambi i giorni festivi anche tutte le Aree archeologiche: i Tumuli di Montefortini e Boschetti a Comeana (PO), Il tumulo del Sodo Cortona (sempre a pagamento), il Museo archeologico nazionale di Castiglioncello e  nella provincia di Grosseto si potranno ammirare le aree archeologiche di Vetulonia, dove vicino al tumulo della Pietrera sono in fiore centinaia di esemplari dell’orchidea Ophrys bombyliflora, specie rara e protetta, dell’antica Città di Cosa e di Roselle.

Ad Arezzo e provincia tutti i musei  statali sono pronti ad accogliere visitatori e turisti: la Basilica di San Francesco con lo straordinario ciclo pittorico della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca, il Museo archeologico nazionale Gaio Cilnio Mecenate e l’Anfiteatro romano, il  Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna,   il Museo di Casa Vasari con un percorso digitale su sei opere della preziosa quadreria, ben rappresentativa del Manierismo toscano, particolarmente significative per la storia della casa aretina di Giorgio Vasari, con brevi video collocati in ogni sala del museo e il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari dell’Alta Valle del Tevere – Palazzo Taglieschi dove è attivo un percorso di visione e approfondimento digitale tramite QR Code dedicato alla collezione di robbiane. Aperta solo il 25 aprile l’Abbazia di San Salvatore a Soffena.

Lucca a Palazzo Mansi si possono rivivere i fasti di una ricca famiglia di mercanti lucchesi tra saloni affrescati, splendidi arazzi magnificamente conservati, e una superba quadreria con dipinti delle più prestigiose scuole italiane e straniere dal XVI al XVIII secolo – tra i quali si annoverano opere di Domenico Beccafumi, Pontormo, Domenichino, Tintoretto, Luca Giordano.
Villa Guinigi, “residenza di delizie” quattrocentesca del Signore di Lucca, Paolo Guinigi, marito di Ilaria del Carretto si snoda la storia della città, dall’VIII secolo a.C. al neoclassicismo e Jacopo della Quercia, Fra Bartolomeo, Giorgio Vasari, Guido Reni e Pompeo Batoni sono solo alcuni degli artisti rappresentati in museo.

All’isola d’Elba aperte le due residenze napoleoniche di Villa san Martino e della Palazzina dei Mulini.

Pisa aperti entrambi i musei nazionali con visite guidate gratuite alle collezioni alle 11 a Palazzo Reale e San Matteo.

La visita a Palazzo Reale illustrerà le numerose opere d’arte appartenute alle corti che nei secoli hanno governato la città, dai Medici, ai Lorena e ai Savoia e le opere del collezionismo privato radunate in Pisa. Per la ricchezza e la varietà delle raccolte, legate alla cultura artistica laica, che in Pisa e per Pisa si è espressa fra XVI e XX secolo, il museo si configura come il “salotto buono” della città.
Al Museo di San Matteo un’altra occasione per ammirare la raccolta unica al mondo di pittura su tavola a fondo oro dei secoli XII-XIV, tra cui l’eccezionale gruppo di croci dipinte e il polittico firmato da Simone Martini (1320) oltre a una notevole galleria che conferma il primato dei pisani nella scultura, da Nicola a Giovanni Pisano, da Andrea a Nino Pisano. Di grande rilievo sono inoltre gli esempi di arte rinascimentale, tra cui Masaccio, Donatello, Gentile da Fabriano, Beato Angelico, Benozzo Gozzoli e Ghirlandaio.

Il Museo delle navi antiche di Pisa sarà aperto a pagamento per un viaggio lungo 1000 anni fatto di commerci e marinai, rotte e naufragi, navigazioni e vita di bordo e della storia della città di Pisa con 800 reperti esposti in 8 sezioni tematiche negli arsenali medicei.

Alla Certosa di Calci visite accompagnate con prenotazione obbligatoria, nei suggestivi ambienti ricchi di arte e di storia che hanno ospitato l’ordine Certosino dal XIV al XX secolo, il chiostro grande, le celle dei monaci, la chiesa, le numerose cappelle, il refettorio e il capitolo e con una selezione di opere di Igor Mitoraj donate allo Stato nel 2018 e temporaneamente collocate nei suggestivi spazi della Certosa in attesa della realizzazione del Museo dedicato all’artista a Pietrasanta.

Pistoia sarà aperta la Fortezza di Santa Barbara solo il 1 maggio e dall’alto dei suoi camminamenti si potranno ammirare scorci inediti di Pistoia e gli alti alberi di cedro dove una colonia di aironi cinerini ha costruito le straordinarie architetture della “garzaia” l’insieme dei nidi in cui allevano i loro piccoli, e visitare la mostra permanente “Fortezza d’acqua. L’energia idraulica nella storia dell’uomo”.

Aperti solo il 25 aprile e solo su prenotazione l’ex Chiesa del Tau e l’Oratorio di San Desiderio, mentre a Monsummano Terme (PT) si potranno visitare le stanze della casa museo del poeta Giuseppe Giusti.

In provincia di Siena sarà aperto il Museo nazionale Etrusco di Chiusi  dove oltre agli innumerevoli capolavori,  la Sfinge in pietra fetida, uno dei simboli del museo introduce idealmente un percorso alle radici dell’identità toscana: dai vasi cinerari villanoviani come il “Coperchio dell’abbraccio” che rappresenta una straordinaria scena di abbraccio tra due figure in terracotta, ai caratteristici canopi (VII-VI a.C.), vasi a forma antropomorfa destinati ad accogliere le ceneri del defunto, tra i quali spicca il Canopo di Dolciano e la ricchissima l’esposizione di reperti scultorei con cippi, urne, e statue femminili di piangenti.

Alcuni musei sono aperti esclusivamente con prenotazione obbligatoria, tutti i dettagli sugli orari e sulle modalità di ingresso su museitoscana.cultura.gov.it/

Attenzione con allerta meteo giallo/arancio/rosso i parchi, giardini e aree all’aperto della Direzione regionale musei della Toscana potrebbero essere chiusi al pubblico per garantire condizioni di sicurezza.

 

Giorni e orari di apertura

 

FIRENZE

MAF Museo archeologico nazionale di Firenze
piazza S.S. Annunziata, 9b – 50122 Firenze (FI)
25 aprile e 1 maggio, ore 8.30-14 (ultimo ingresso ore 13.25)

Museo di San Marco
Piazza San Marco, 3 50121 Firenze
25 aprile e 1 maggio, ore 8.15-13.50

Cenacolo di Sant’Apollonia Ingresso gratuito
Via XXVII Aprile 1, 50129 Firenze
25 aprile, ore 8.15-13.50

Cenacolo di Andrea del Sarto   Ingresso gratuito
via di San Salvi, 16 – 50135 Firenze (FI)
25 aprile e 1 maggio, ore 8.15-13.50

Parco di Villa il Ventaglio  Ingresso gratuito
via Giovanni Aldini, 10/12 – 50131 Firenze (FI)
25 aprile e 1 maggio, ore 8.15-18.30

Giardino della Villa medicea di Castello Ingresso gratuito
Via di Castello, 47, 50141 Firenze
25 aprile e 1 maggio, ore 8.30 – 18.30 (ultimo ingresso 18.00)

Villa medicea della Petraia Ingresso gratuito
Via della Petraia, 40  50141 Firenze
25 aprile e 1 maggio, ore 8.30 – 18.30 (ultimo ingresso 17.30). Villa ingresso ore 9.30, 10.30, 11.30, 14.00, 15.00, 16.00, 17.00 con visite accompagnate fino a un massimo di 25 persone.

Villa medicea di Cerreto Guidi e Museo storico della Caccia e del Territorio  Ingresso gratuito
via Ponti Medicei, 7 – 50050 Cerreto Guidi (FI)
25 aprile e 1 maggio, ore 8.30 – 17.30 (ultimo ingresso 17.00). Visite accompagnate a cura dello staff senza prenotazione fino a un massimo di 25 persone alle ore 9.00 – 10.00 – 11.00 – 12.00 – 15.00 – 16.00

AREZZO

Basilica di San Francesco prenotazione obbligatoria
piazza San Francesco, 1 – 52100 Arezzo (AR)
25 aprile e 1 maggio, ore 9-19 (ultimo ingresso ore 18.30)

Museo Archeologico Nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” e Anfiteatro romano
via Margaritone, 10 – 52100 Arezzo (AR)
25 aprile e 1 maggio ore 9.00 – 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)

Museo di Casa Vasari
via XX settembre, 55 – 52100 Arezzo (AR)
25 aprile e 1 maggio, ore 8.30- 13.30 (ultimo ingresso 12.30)

Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna
Via San Lorentino, 8  52100 Arezzo
25 aprile e 1 maggio, ore ore 8.30-13.30, ultimo ingresso ore 12.30

Museo delle Arti e Tradizioni Popolari dell’Alta Valle del Tevere – Palazzo Taglieschi 
piazza Mameli, s.n.c. – 52031 Anghiari (AR)
25 aprile e 1 maggio, ore 10.00 – 15.00 (con ingressi ogni ora e ultimo ingresso alle 14.00).

Castelfranco Piandiscò (AR) Abbazia di San Salvatore a Soffena

Via di Soffena, 2 – Castelfranco Piandiscò

25 aprile ore 9.15 – 13.45

Cortona (AR) Area Archeologica del Sodo e Tomba di Camucia 
Loc. Sodo di Cortona   52044 Cortona (AR)
25 aprile  e 1 maggio ore 10-19 (sempre a pagamento)

GROSSETO

Area Archeologica di Roselle
Via dei Ruderi, 46 58040 Roselle (GR)
25 aprile ore 9:45-18.45 (ultimo ingresso ore 18), 1 maggio ore 8:15-19:45 (ultimo ingresso alle ore 19.00)

Area archeologica di Vetulonia 
vie Case di Siena, s.n.c. – 58043 Castiglione della Pescaia (GR)
25 aprile e 1 maggio ore 9:45-18.30

Museo Archeologico Nazionale ed Area Archeologica di Cosa 
via delle Ginestre, s.n.c. – 58015 Orbetello (GR)
25 aprile e 1 maggio ore 9:45-18.45 (ultimo ingresso ore 18)

LIVORNO

Museo archeologico nazionale di Castiglioncello

via del Museo, 8 – Castiglioncello (LI)
25 aprile ore 10-13- 16.30-19.30, 1 maggio ore 10-13

Museo nazionale delle residenze Napoleoniche Palazzina dei Mulini
piazzale Napoleone, 1-3 – 57037 Portoferraio (LI)
25 aprile e 1 maggio, ore 9-13

Museo nazionale delle residenze Napoleoniche Villa S. Martino
via di San Martino – 57037 Portoferraio (LI)

25 aprile e 1 maggio, ore 9-13

LUCCA

Museo nazionale di Villa Guinigi
via della Quarquonia s.n.c. – 55100 Lucca (LU)
25 aprile e 1 maggio ore 9-19.30 (ultimo ingresso ore 18.00)

Museo nazionale di Palazzo Mansi    
via Galli Tassi, 43 – 55100 Lucca (LU)​
25 aprile e 1 maggio ore 9-19.30 (ultimo ingresso ore 18.00)

PISA

Museo nazionale di San Matteo
piazza S. Matteo In Soarta – 56126 Pisa (PI)
25 aprile e 1 maggio dalle 9:00 alle 13:30 (ultimo ingresso alle ore 13:00)

Museo Nazionale di Palazzo Reale   
Lungarno Pacinotti, 46 – Pisa
25 aprile e 1 maggio dalle 9:00 alle 13:30 (ultimo ingresso alle ore 13:00)

Museo delle Navi antiche

Arsenali Medicei, Lungarno Ranieri Simonelli 16

25 aprile dalle 9:00 alle 13:00 (a pagamento)

Museo nazionale della Certosa Monumentale di Calci prenotazione obbligatoria
via Roma, 79 – 56011 Calci (PI)
25 aprile e 1 maggio ingressi esclusivamente con visite accompagnate a cura del personale del museo alle ore 9.00 – 10.00 – 11.30 – 12.30

PISTOIA

Pistoia – Fortezza di Santa Barbara Ingresso gratuito
Piazza della Resistenza 51100 – Pistoia
1 maggio ore 8.30 -13.30

Ex Chiesa del Tau  prenotazione obbligatoria

Corso Silvano Fedi 28, cap. 51100, Pistoia
25 aprile solo su prenotazione

Oratorio di San Desiderio  prenotazione obbligatoria
via Laudesi, 53 – Pistoia
25 aprile solo su prenotazione

Museo nazionale di Casa Giusti  Ingresso gratuito
viale Vincenzo Martini, 18 – 51015 Monsummano Terme (PT)
25 aprile e 1 maggio, esclusivamente con visite accompagnate dalle ore 8.00 alle 14.00 e dalle ore 15.00 alle 18.00

PRATO

Villa Medicea di Poggio a Caiano e Museo della Natura Morta Ingresso gratuito
Piazza de’ Medici,14, 59016 Poggio a Caiano (PO)
25 aprile e 1 maggio, PARCO ore 8.15 – 17.00 (ultimo ingresso ore 16.30). Ingresso senza prenotazione.
VILLA, appartamenti monumentali e Museo della Natura morta. Prenotazione obbligatoria, ingresso ogni ora con visite accompagnate dalle 8.30 alle 15.30. Non si effettua la visita delle ore 13.30.

Area archeologica di Comeana (PO). Tumuli di Montefortini e Boschetti
via Montefortini, 1 59015 Carmignano (PO)
25 aprile e 1 maggio ore 8.30-13.00 | ore 13.30-17.00

SIENA

Museo Nazionale Etrusco di Chiusi. Necropoli di Poggio Renzo e Tomba del Colle
via Porsenna, 93 – 53043 Chiusi (SI)
25 aprile e 1 maggio ore 8.30 -13.50 (ultimo ingresso 13.20)